Il Corpo è il nostro Tempio Sacro: l’osservazione in Cucina

photo credit: https://irp-cdn.multiscreensite.com 

Il corpo è il nostro tempio sacro di cui prenderci cura tutti giorni con Amore e Riconoscenza. Quando decidiamo cosa mangiare e se … mangiare prendiamoci del tempo per ascoltare il nostro corpo, le sue sensazioni e le nostre emozioni. Immaginiamo per un attimo di tagliarci la testa, immaginiamo di non averla più…. cosa ci trasmette il nostro corpo?

A volte ci dice cose scomode che non riusciamo ad ascoltare... spesso non vogliamo affrontare dei temi forti della nostra vita, dolori profondi ed antichi. Invece contattarli significa recuperare energia potentissima per la nostra vita attuale e quindi futura.
Attenzione! Ascoltare le proprie emozioni non vuol dire piangersi addosso ed incolpare i nostri genitori di tutti i blocchi della nostra vita.
L’inizio del mio cammino di crescita personale è avvenuto con la presa di coscienza che stavo facendo la “schiava” senza saperlo…mi ricordo molto bene l’istante in cui il mio Maestro mi chiese:- Marilena, ma tu ti senti davvero libera?– Ed io, forse troppo in fretta, risposi :- Certo! …faccio tutto quello che voglio, ho il lavoro che mi piace, la casa che mi piace e forse anche il compagno che mi piace ecc….
Quante volte ripensando a quella domanda mi sono dovuta ricredere…
Dopo ogni lavoro che facevo scoprivo un anello nuovo della catena della mia schiavitù. Molti erano della mia famiglia e altri del mio ambiente e della cultura in cui ero vissuta fino ad allora, altri dell’istruzione ricevuta. Per tanto tempo ho odiato, disprezzato e rinnegato gli anelli di quella catena. 
Dopo tanta sofferenza, tempo ed esperienze ho capito che quella catena mi ha tenuto in piedi tanto tempo, mi ha consentito di alzarmi tutti giorni ed, in qualche modo, prendermi cura di me, del mio corpo, della mia mente.

Poi semplicemente ho capito che oltre quelle catene c’era molto di più … che dietro le apparenze e quella punta di iceberg c’era un blocco di ghiaccio enorme e potente che andava scoperto. Molti mi hanno scoraggiato e deriso quando io provavo, mi preparavo e speranzosa mi mettevo in viaggio per andare alla scoperta di quell’immenso oceano blu. Io stessa a volte mi sono scoraggiata e sono tornata indietro, e volte non sono neanche partita… ma questo è il viaggio è la vita di tutti.
Le cose cambiano quando comprendi col cuore e lo scrivi e scrivi tuoi valori: Amore, Libertà, Avventura e Crescita, sono i miei.

Ed allora quando sei a un bivio e ti chiedi dove andare, i tuoi valori, come fari, ti illuminano la strada.

Tempo, questo occorre sempre quando qualcuno ti chiede, quando qualcuno pretende, quando qualcuno ti dà per scontata, quando mangi e quando fuggì via veloce.  Veloce come il vento, come l’aria,  la mia mente volava via e dal dolore delle ferite fuggivo.

Nella pratica in cucina ho imparato a vedere e a sentire. Attraverso il cibo ho imparato ad aspettare. Cucinare e mangiare sono azioni quotidiane, meccaniche ed indispensabili che fanno parte della nostra quotidianità e per questo sono perfette per osservarci e baypassamdo la mente possiamo iniziare a sentire quello che dice il nostro corpo e che la testa invece, nasconde e trasfigura. Attraverso una pratica quotidiana, una piccola azione di osservazione quotidiana, si può scoprire qualcosa in più di noi e cambiare la nostra vita se c’è qualcosa che desideriamo cambiare.

Buona cucina e buon cambiamento!
Se sei curioso di sperimentare questa tecnica di consapevolezza, non perderti il prossimo laboratorio di Ojas Kitchen!!

 

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti ai canali di Ojas Kitchen ;-)